BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
giovedì, 26 Maggio 2022
Home / Catechesi / OMELIA FESTA SANTA LUCIA 2021

OMELIA FESTA SANTA LUCIA 2021


La nostra Chiesa, durante l’anno, in più occasioni, riporta la festa di alcune ragazze sante e martiri, come sant’Agata, Perpetua, Felicita e Cecilia… sante che ricordiamo in particolare nel canone romano, durante la preghiera eucaristica del primo venerdì di ogni mese
Noi,come Comunità parrocchiale, festeggiamo altre due sante: Sant’Agnese e Santa Lucia.
Oggi, 13 dicembre, è la festa in cui iniziamo a sentire la festività natalizia. Infatti in alcuni posti, oggi è il giorno dei regali di Natale per i bambini.
Ricordo che, da piccolo, anche nel mio paese oggi, durante la processione, iniziavano a suonare le zampogne.
E’ una festa che ci riporta in particolare la testimonianza dei santi martiri che, come Comunità, festeggiamo in due occasioni: San Biagio e i santi Cosma e Damiano.
Il martirio è il più grande segno della fede, di quella fede che ci coinvolge nelle nostre scelte:La scelta di essere testimoni di un incontro con Cristo che diventa per tutti una via verso la salvezza.
La Santa ci invita seguire questa strada.
Voglio riportarvi un passaggio di Papa Francesco su santa Lucia:
” Lucia ci dice che la vita è fatta per essere donata. Lei ha vissuto questo nella forma estrema del martirio, ma il valore del dono di sé è universale: è il segreto della vera felicità. L’uomo non si realizza pienamente nell’avere e neppure nel fare; si realizza nell’amare, cioè nel donarsi. E questo può essere inteso anche come il segreto del nome “Lucia”: una persona è “luminosa” nella misura in cui è un dono per gli altri. E ogni persona, in realtà, lo è, è un dono prezioso.”
Questo donarsi fa la differenza nella fede:Un donarsi che coinvolge anche nella gratitudine.
Qualche mese fa vi riportavo un’esperienza vissuta in Caritas.
Una signora dopo che è stata aiutata, ci diceva:”U Signura u vi renda meritu e chiju chi faciti” (Il Signore vi ricambi per il bene che fate).
Mi ha colpito perché, spesso, diamo per scontato che ricevere un dono ci è sempre dovuto, ma soprattutto perché ci aiuta a capire che l’aiuto che noi offriamo, sia materiale che spirituale, è tutto per la Gloria di Dio.
I santi hanno vissuto questo donarsi per la ricerca di un senso della loro stessa vita.
Ora sappiamo perché gli occhi della santa ci guardano: che si possa incominciare a vedere, nonostante si viva nel periodo più miope della post modernità. Che germogli in noi uno sguardo nuovo per riconoscere la via” (Gloria Riva)