BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
giovedì, 26 Maggio 2022
Home / Catechesi / Dio, nella sofferenza ci ama in modo particolare. (Ercoli Lorena)

Dio, nella sofferenza ci ama in modo particolare. (Ercoli Lorena)

Spesso sento rivolgermi questa domanda: “Dove trovi la forza di reagire nonostante la tua malattia?”.
Nella mia malattia, ho da 10 anni una forma di sclerosi multipla progressiva, ho visto un disegno di Dio, un qualcosa di prezioso, perché Gesù ha scelto, per la redenzione del mondo, il dolore.
Nella sofferenza ho sempre abbracciato, con Amore, la croce che Gesù mi ha donato con la malattia è per questo che Lo ringrazio nel più profondo del cuore. Al mattino il mio primo pensiero è per Lui: “Gesù tu sei tutto il mio bene, la cosa più preziosa che io ho, ti offro la mia giornata, ma soprattutto la mia sofferenza, il mio corpo debilitato dalla malattia, mi rimetto alla Tua volontà”.
Io non amo certo il dolore in sé, ma amo Gesù crocifisso e abbandonato che è in me e in ogni persona provata dalla sofferenza, per questo mi sento amata da Dio in modo particolare perché mi fa sentire simile a Suo Figlio.
Non è facile seguire Gesù, mi capita di attraversare momenti di buio dove non riesco più a trovare un rapporto così profondo con Lui.
E’ con la preghiera che riesco, con fatica ma poi con gioia, a ritrovare la comunione spirituale con Lui e dirGli: “Donami la forza non solo di un rapporto con Te, ma il coraggio di amarti”.
Gesù poteva scegliere mille modi per salvarci, ma ha scelto il dolore per redimerci.
Nei momenti difficili della vita, causati da una sofferenza, da una malattia ricordiamoci che tutto questo è un tesoro, una perla che la comunità e i famigliari stessi, non devono disprezzare ed emarginare.
Io credo, che Dio ci ama tutti di un amore infinito e ad uno ad uno. Gesù sulla croce ha gridato: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato”. Un malato non va mai abbandonato, ma ognuno di noi diventi prossimo per l’altro.