martedì, 7 Febbraio 2023
Home / Catechesi / Essere fedeli al proprio servizio

Essere fedeli al proprio servizio

Un sacerdote pone alcune domande a una famosa benefattrice, poco prima della sua morte. “Non pensa che ciò che lei ha fatto è una goccia d’acqua in mezzo ad un’immensità di bisogni?”. Risposta: “La sola cosa importante è la fedeltà personale”.

Bella lezione! E’ ben vero che non possiamo prendere su di noi tutti i problemi del mondo. Ma ciò che Dio richiede da ciascuno di noi è la fedeltà, è una marcia coerente con la nostra fede; è rispondere al bisogno che è posto davanti a noi.

Non dobbiamo forse riconoscere che troviamo spesso dei pretesti per non fare ciò che è posto davanti a noi? Ci stimiamo sovraccarichi di doveri che riteniamo imperativi, sollecitati da tante urgenze che potrebbero attendere, preoccupati da tanti pensieri talvolta ingiustificati.

Molto spesso, simili al sacerdote o al levita della parabola del buon Samaritano (Lc 10,25-37) vediamo il nostro prossimo nelle difficoltà, ma “passiamo oltre” poiché questa è la soluzione più facile.

Bisogna forse ricordare che il buon Samaritano – bella immagine del Signore Gesù Cristo – ha visto il ferito, si è fermato, si è avvicinato, si è chinato su di lui, l’ha curato e lo ha portato in un luogo sicuro?

Tra i nostri vicini, forse il vicino di casa, o nella nostra Chiesa, esistono certamente delle anime ferite dalla vita moderna, che giacciono (moralmente) sul ciglio della strada, incapaci di rialzarsi. Che cosa facciamo per loro?