sabato, 22 Giugno 2024
Home / Catechesi / Il dottore e l’avvocato (racconti divertenti)

Il dottore e l’avvocato (racconti divertenti)


Finalmente laureato, un giovane dottore desidera lavorare in ospedale, ma non riesce a trovare lavoro, quindi con un po’ di fatica decide di aprire un suo studio medico privato.
Alla porta di ingresso mette un grande cartello arrecante la seguente scritta:
“La cura costa 25 euro, se non dovesse funzionare, vi saranno restituiti 100 euro.”
Un avvocato vede il cartello, e pensa subito che sia una buona occasione per intascare 100 euro facilmente, e dice:
“Dottore, ho perso il senso del gusto…”
Il dottore si rivolge alla sua infermiera:“Prendi la medicina della scatola 12 e somministrane 3 gocce sulla lingua.”
L’infermiera esegue e l’avvocato comincia a tossire per espellere quanto ha ingerito:“Sput, sput, sput, ma è benzina!”
Dottore:“Esatto, complimenti!Ha funzionato, ha riacquistato il gusto, sono 25 euro, grazie.”
Irritatissimo l’avvocato paga e se ne va meditando vendetta…
Infatti il giorno dopo si ripresenta allo studio medico.
Avvocato:“Dottore, ho perso la memoria, non mi ricordo più nulla…”
Di nuovo, il dottore si rivolge alla sua infermiera:“Prendi la medicina della scatola 12 e somministrane 3 gocce sulla lingua.”
L’avvocato, più irritato che mai:“No! Lì c’è la benzina, me l’avete data ieri!”
Dottore:“Complimenti! La sua memoria è tornata, sono 25 euro, grazie.”
L’avvocato è furioso, ma paga tramando sempre più una vendetta esemplare.
Il giorno dopo quindi si ripresenta.
Avvocato:“Dottore, la mia vista è debole e annebbiata, non riesco a distinguere le cose…”
Dottore:“Mi dispiace, sono desolato ma per questo non ho una cura da darle.La prego, accetti i 100 euro.”
Gli occhi dell’avvocato iniziano a brillare, finalmente ce l’ha fatta, ma mentre allunga la mano per prendere la banconota che gli sta porgendo il dottore esclama:
“Ma questi non sono 100 euro, sono 20 euro!”
E il dottore:“Complimenti, la sua vista non ha più problemi! Sono 25 euro, grazie!”