BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
domenica, 29 Maggio 2022
Home / Catechesi / OMELIA MATRIMONIO Gullì Antonio e Mantello Jlenya

OMELIA MATRIMONIO Gullì Antonio e Mantello Jlenya


Perché un matrimonio cambia la vostra vita e a cosa porta ?
Ve lo spiego brevemente con questo passaggio di Davide Weiss, dal titolo: ”Le 7 tecniche per migliorare le relazioni”.
Le sei parole più importanti
“Riconosco di aver commesso un errore”.
Le cinque parole più importanti:
“Hai fatto un buon lavoro”.
Le quattro parole più importanti:
“Che cosa ne pensi?”
Le tre parole più importanti:
“Se tu potessi”.
Le due parole più importanti:
“Grazie tante”.
La parola più importante:
“Noi”.
La parola meno importante:
“Io”.
Nella nostra vita, capita spesso di vivere solo in relazione DI, di vivere, cioè, con quella certezza che noi abbiamo un cammino ed un ideale da raggiungere.
L’ideale di un matrimonio sta nella penultima tecnica:”NOI”.
Questo NOI si costruisce con la Grazia dello Spirito Santo, con la Grazia che riceviamo ogni volta che ci accostiamo a vivere l’Eucarestia, con la Comunione, con l’entrare insieme in un rapporto con il Mistero che è Cristo.
E’ un inizio per arrivare al NOI, per costruire ogni giorno la nostra vita da protagonisti e sempre con la certezza della Sua presenza.
Ogni volta che avrete la consapevolezza che Dio esiste, ogni volta che Egli rappresenta la meta del cammino da raggiungere, il sostentamento alla vostra unione e il perché per cui vivere, tutto diventerà più semplice.
Come bene diceva Claudel:” E perché tormentarsi quando è così semplice obbedire? Rinunciare al proprio progetto per aderire totalmente a una vita che tutto alimenta e genera”.
Vivere il matrimonio rappresenta la bellezza di credere che c’è un fine. Senza lo sguardo di speranza al dopo non potrà mai esserci un cammino.
Come camminare nella vita del matrimonio? Basta amarsi?
Sant’Agostino diceva:”La carità ha due piedi che sono i precetti dell’amore di Dio e del prossimo. Vedi di non zoppicare, ma corri con ambedue i piedi fino a Dio”.