lunedì, 6 Febbraio 2023
Home / Catechesi / omelia matrimonio Rachiele Stefano E Gori Natacha

omelia matrimonio Rachiele Stefano E Gori Natacha


La bellezza di un matrimonio non sta in ciò che vediamo oggi, ma in quello che vedremo domani. Mi colpiva questa breve storia di M. Quoist: ” Il mattone” “Il muratore posava il mattone sul letto del cemento, con gesto preciso della sua cazzuola vi gettava una copertura e senza chiedergli il parere posava su un nuovo mattone. A vista d’occhio le fondamenta salivano la casa poteva elevarsi alta e solida per ospitare uomini. Ho pensato, Signore, a quel povero mattone interrato nella notte alla base del grande edificio. Nessuno lo vede ma lui fa il suo lavoro e gli altri hanno bisogno di lui. Signore, non conta che io sia in cima alla casa o nelle fondamenta purché io sia fedele, al mio posto, nella Tua Costruzione”.
Il paragone del mattone, ci può aiutare a capire che il matrimonio è un costruire insieme. A volte sembra che ogni gesto sia inutile. Vogliamo essere al primo posto. Abbiamo la permalosità di sentirsi abbandonati.
Cosa faremo, allora, quando come coppia, invece di due diventeremo tre o quattro e così via? Imparate da chi vi sta dietro, da chi ha lasciato tutto, perché esiste un bene più grande: la vostra felicità.
E’ fondamentale costruire insieme. Questa è la grandezza del dono dello Spirito Santo che oggi ricevete nel Sacramento del matrimonio.
Non è una bellezza sposarsi per tutto ciò che oggi sta attorno a voi, da quello che vediamo in Chiesa, alla festa al ristorante ecc.. Anche quello è bene che ci sia, ma oggi è festa e diventa maggiormente tale perché c’è condivisione di una gioia. Questa gioia che voi oggi condividete con parenti ed amici, spero diventi l’ideale della vostra vita familiare.
Immagino le vostre difficoltà , a differenza di tanti vostri amici o parenti che ancora rimangono , direi, ”nella tranquillità della famiglia”. Non è semplice riuscire ogni giorno a costruire da soli un nuovo cammino, ma la maturità della scelta di oggi fa la differenza. Da oggi, direi, voi diventerete ”uomini”.
Ognuno di voi è un mattone per l’altro. Spero che la similitudine del mattone escluda la testardaggine e l’ orgoglio che, spesso, oscura la bellezza dell’amarsi. “ Il vero amore può nascondersi, confondersi, ma non può perdersi mai. Sempre e per sempre dalla stessa parte mi troverai” Francesco De Gregori:
Ogni volta che rimarremo fedeli a ciò che siamo, cioè sposi, amanti e amati l’ uno dall’altro, vivremo la gioia di essere famiglia in Cristo.