martedì, 7 Febbraio 2023
Home / Catechesi / Umiltà e riposo

Umiltà e riposo

Dicevano di abba Arsenio che una volta si ammalò, a Scete; il presbitero venne, lo trasportò in chiesa e l’adagiò su un tappeto con un piccolo cuscino sotto la testa. Ed ecco che un anziano, venuto a trovarlo e vedendolo sul tappeto con il cuscino sotto la testa, si scandalizzò dicendo: “È questo abba Arsenio? E se ne sta sdraiato su questa roba?”. Presolo in disparte, il presbitero gli chiese: “Che lavoro facevi tu quando eri nel tuo villaggio?”. Quello rispose: “Ero pastore”. “E come vivevi?”, gli chiese. “Tra molti stenti”, rispose quello. Gli disse ancora: “E ora come vivi nella tua cella?”. Rispose: “Con un certo conforto”. Gli disse allora: “Vedi abba Arsenio? Nel mondo era precettore di imperatori, lo attorniavano migliaia di servi che portavano cinture d’oro, gioielli e vestiti di seta, e sotto i suoi piedi c’erano tappeti preziosi. Tu, invece, essendo pastore, non avevi nel mondo il conforto che hai ora; mentre egli qui non ha gli agi di cui godeva nel mondo. Ecco, tu ora trovi sollievo e lui tribolazione”. All’udire ciò, fu preso da compunzione e fece una metanìa (inchino) dicendo: “Perdonami, abba, ho peccato; in verità questa è la vera via, perché costui è giunto all’umiltà, io invece al riposo”. E l’anziano se ne andò avendo ricevuto giovamento.

Detti editi e inediti dei padri del deserto