lunedì, 6 Febbraio 2023
Home / Catechesi / Anche da un letto di morte si può essere testimoni – Fiorenzo
Papa Giovanni Paolo II in ginocchio dopo l'apertura della Porta Santa, che indica l'inizio dell'anno del Giubileo, 24 dicembre 1999 (ANSA)

Anche da un letto di morte si può essere testimoni – Fiorenzo

Sono nato in una famiglia molto praticante, ma a volte avendo un tesoro in casa non ce ne rendiamo conto!
Ho passato tutti i miei anni (34) in una routine classica con qualche impegno in parrocchia, ma via via sempre meno impegnato fino all’indifferenza più completa; mi sono perso nel burrone dell’errore; credevo di farcela da solo… sbagliavo… avevo messo da parte Dio! Cominciavo a far della bestemmia la mia quotidianità… poi un giorno un signore di una certa età, malato da anni e uomo di profonda preghiera si aggrava e arriva a mettersi a letto da dove non si rialzerà più! Sono venuto a sapere del suo aggravarsi alle 23 di un giovedì come un altro… da quel suo letto di morte ha saputo trasmettermi ciò che nessuno mai prima era riuscito con le parole, la sua fede, la sua preghiera, il suo ringraziare mi hanno convertito! Da quel giorno la vita in Cristo è rinata, ora non passa giorno che non desideri pregare e ringraziare Dio di essere un suo figlio!
Quell’uomo, il 2 aprile scorso, mentre io ero a mangiare una pizza con amici è morto, il suo fisico è morto, ma la sua anima è sempre qui accanto a me e a noi; quell’uomo si chiama Giovanni Paolo II.