domenica, 5 Febbraio 2023
Home / Catechesi / La bellezza discreta (Anthony De Mello)

La bellezza discreta (Anthony De Mello)


Passando accanto allo stagno, vidi un fiore di loto in piena fioritura e istintivamente gli dissi: “Come sei bello, mio caro! E come deve essere bello il Dio che ti ha creato!”.
Esso arrossì, perché non era affatto cosciente della propria grande bellezza. E gli faceva piacere che Dio fosse lodato.
Era il più bello perché era totalmente inconsapevole della propria bellezza.
E mi attirò perché non tentava affatto di attirare la mia attenzione.
Più avanti c’era un altro stagno, dove trovai un altro fiore di loto che allargava verso di me i suoi petali e diceva sfacciatamente: “Guarda come sono bello e rendo lode al mio Creatore”. Io proseguii disgustato.