lunedì, 6 Febbraio 2023
Home / Catechesi / La principessa e il rospo (Anthony De Mello)

La principessa e il rospo (Anthony De Mello)

Un giorno una bella principessa decise di andare a passeggiare per la foresta e qui incontrò un rospo. Il rospo la salutò molto delicatamente. La principessa si spaventò al sentire un rospo parlare la lingua degli uomini. Ma questi la rassicurò: “Altezza Reale, in realtà io non sono un rospo. Sono un principe, ma una strega mi ha trasformato in un rospo”. La principessa, che aveva un cuore generoso, gli chiese: “Posso far qualcosa per spezzare questo sortilegio?”. Il rospo rispose: “Sì. La strega mi ha detto che se riuscissi a trovare una principessa che mi ami tanto da restare con me per tre giorni e tre notti, il sortilegio verrebbe spezzato e io tornerei ad essere un principe”. La principessa in quel rospo poteva già vedere il principe.

Portò con sé il rospo a palazzo. Tutti esclamavano: “Cosa è quella creatura ripugnante che ha portato con sé?”. E lei rispondeva: “No, non è una creatura ripugnante, è un principe!”. E teneva il rospo con sé giorno e notte, a tavola e seduto sul guanciale mentre dormiva. Dopo tre giorni e tre notti si svegliò e vide quel principe giovane e bello, che baciò la sua mano con gratitudine per aver rotto l’incantesimo e averlo trasformato nel principe che era.