BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
sabato, 28 Maggio 2022
Home / Catechesi / La vera religione (Carlo Maria Martini)

La vera religione (Carlo Maria Martini)

Due giovani decisero la data del loro matrimonio. Si erano messi d’accordo con il parroco per tenere un piccolo ricevimento nel cortile della parrocchia, fuori della chiesa. Ma si mise a piovere, e non potendo tenere il ricevimento fuori, i due chiesero al prete se era possibile festeggiare in chiesa.
Ora, il parroco non era affatto contento che si festeggiasse all’interno della chiesa, ma i due dissero: “Mangeremo un po’ di torta, canteremo una canzoncina, berremo un po’ di vino e poi andremo a casa”.
Il parroco si convinse. Ma essendo gli invitati dei bravi italiani amanti della vita, bevvero un po’ di vino, cantarono una canzoncina, poi bevvero un altro po’ di vino, cantarono qualche altra canzone, e poi ancora vino e altre canzoni, e così dopo una mezz’ora in chiesa si stava festeggiando alla grande. Tutti si divertivano da morire, godendosi la festa. Ma il parroco, tesissimo, passeggiava avanti e indietro nella sacrestia, turbato dal rumore che gli invitati stavano facendo.
Entrò il cappellano che gli disse: “Vedo che è molto teso”.
“Certo che sono teso! Senti che rumore stanno facendo, proprio nella casa del Signore! Per tutti i Santi!”.
“Ma Padre, non avevano davvero alcun posto dove andare!”.
“Lo so bene! Ma è assolutamente necessario fare tutto questo baccano?”.
“Bè, in fondo, Padre, non dobbiamo dimenticare che Gesù stesso ha partecipato una volta ad un banchetto di nozze”.
Il parroco risponde: “So benissimo che Gesù Cristo ha partecipato ad un banchetto di nozze, non devi mica venirmelo a dire tu! Ma lì non avevano il Santo Sacramento!”.
Ci sono occasioni in cui il Santo Sacramento diventa più importante di Gesù Cristo. Quando l’adorazione diventa più importante dell’amore, allora la Chiesa diventa più importante della vita. Quando Dio diventa più importante del vicino, e così via. Questo è il grande pericolo. Gesù ci voleva richiamare proprio a questo: prima le cose più importanti! “L’uomo è più importante del Sabato!”.