martedì, 7 Febbraio 2023
Home / Catechesi / Natale…. un’alba! (Giosy Cento)

Natale…. un’alba! (Giosy Cento)

Non so davvero quale differenza ci sia tra
l’alba della Creazione
e l’alba dell’Incarnazione.
Se provo ad immaginarle
vedo solo Dio,
la sua onnipotenza,
il suo Amore.
Il primo mattino: l’emergere del creato
dalla amorosa progettazione e manualità dei tre divini.
E’ tutto novità,
è tutto che stupisce,
nuovo, incontaminato.
“E’ buono, è bello”, esclama Dio.
Allora la Creazione intona il Gloria:
terra e cielo a braccetto,
sorella e fratello, in pace, fanno sentire ai tre divini
il Grazie per l’essere creati
e per la prospettiva d’essere e vivere eternamente.
Il mistero di salvezza poi si srotola nella storia.
Le vicende umane sono lunghi attimi pieni di promesse di Dio.
Ed ecco l’alba: è a Betlehem.
Qui il fatto più umano e quotidiano della terra
“il nascere” rivela una nuova Creazione.
Nasce un bimbo da un grembo inviolato: è Dio.
Emerge un fatto insolito, divino:
nella grotta c’è la tenda di convegno dei tre divini
e, per un nuovo, amoroso disegno, la Creazione,
non più incontaminata,
riveste il Figlio di sé e viene innalzata
oltre la sua primitiva dignità.
Ora “Creatura” è il Creatore:
e l’uomo adora, compreso ma incapace di comprendere.
Allora, anche in quell’alba di speranza,
cielo e terra come fratello e sorella,
mano nella mano,
fanno sentire il Grazie,
il “Gloria a Dio nell’alto dei cieli
e pace in terra agli uomini amati da sempre”.
E’ Natale: sia per me e per te… un’alba!